Aggiornamento Gestione Affitti – Versione 16.8.0.1

  • Opzione per decidere come comportarsi sui bolli nelle note di credito, vista la diversità di vedute su questo argomento. Spuntando quest’opzione il bollo viene aggiunto se gli importi negativi sono inferiori ai -77,47 euro.
  • Opzione per scegliere i numeri latini nella descrizione delle rate anno solare (che compaiono in ricevute e avvisi) anziché i numeri romani.
  • Filtri nell’elenco Conduttori per quelli senza affitti, senza affitti in corso o usciti con un subentro.
  • Rendiconto di tutti gli immobili e locatori di un condominio
  • Correzione: nel caso di proroga con una riduzione che finisce con la data di fine locazione, allora propone il canone precedente alla riduzione anziché che il canone attuale ridotto.

Aggiornamento Gestione Affitti – versione 16.7.0.0

  • Visualizzazione delle note generali nell’elenco delle unità immobiliari
  • Visualizzazione delle note generali nell’elenco affitti.
  • Impostazione di un tempo in millisecondi tra gli invii delle email dalla finestra d’emissione. Questo valore si potrebbe rendere necessario perché alcuni server non permettono l’invio troppo ravvicinato di più email.
  • All’apertura di un affitto il programma fa un controllo tra il saldo nelle rate e il saldo correlato tra rate e pagamenti. Se entrambi valori non coincidono allora il programma propone sempre la riorganizzazione dei pagamenti. Questo succede quasi sempre perché gli utenti mescolano pagamenti manuali con automatici; oppure perché importi già coperti con coperture manuali vengono cancellati dalle rate. Alcuni utenti preferiscono tenersi questa discordanza pur di non ricostruire i pagamenti. Per evitare questo avviso ogni volta che aprite gli affitti con questo problema allora spuntate la casella “Contrassegnato“.
  • Gestione del totale da pagare correttamente nelle fatture sui pagamenti quando l’affitto è soggetto allo splitpayment

Aggiornamento Gestione Affitti – versione 16.6.0.0

  • Spunta per non includere nelle fatture anticipate una tipologia d’importo.

In questo modo gli importi di quella tipologia con la spunta compaiono negli avvisi di pagamento e non nelle fatture anticipate.

Questa funzionalità è essenziale per esempio nel caso dei piani di rientro per cui gli importi a debito da spalmare erano già stati fatturati.

  • Variabile per la superficie catastale nella variabile di formato relativa alle unità.

Aggiornamento Gestione Affitti – Versione 16.5.1.3

  • Opzione per permettere l’invio di email dal programma con il protocollo OAuth di GMail. Quest’opzione si rende necessaria perché dal 30/5/2022 Google non supporterà più le password per app.

La procedura di verifica del nostro gestionale non è andata a buon fine perché, non avendo Google uno scope specifico per il SMTP (protocollo di invio email), pretende che le app da sottoporre a verifica facciano la ricezione e l’invio. Dopo uno scambio di email estenuante non hanno voluto approvarla ma questo non è un problema. Basta accettare l’app quando la prima volta accedete all’autenticazione sul browser.

  • Scheda Allegati relativi alla Rata. L’utilità principale di questa scheda è che quando si emetteranno avvisi di pagamento con invio via email allora il programma allegherà all’email, oltre l’avviso stesso, tutti i file PDF che troverà negli allegati di quella rata. In questo modo si potranno inviare, insieme all’avviso, eventuali documenti relativi ad importi della rata; per esempio: consuntivi di spese condominiali, quietanze di lavori a carico del conduttore, ecc.

Aggiornamento Gestione Affitti – versione 16.5.0.0

  • Esportazione nel formato iCalendar delle scadenze degli aggiornamenti ISTAT. Il formato iCalendar, la cui estensione di file è .ICS, si può importare su qualsiasi programma di calendario (es: Apple Calendar, Outlook, Google Calendar, ecc.). Vengono esportate le scadenze selezionati altrimenti il programma seleziona tutte quelle visualizzate. Questa funzionalità è utile per chi non apre regolarmente il programma e vuole avere dei promemoria nei propri calendari.
  • Esportazione nel formato iCalendar (.ICS) delle scadenze delle annualità e proroghe.
  • Esportazione nel formato iCalendar (.ICS) delle scadenze di fine locazione dei contratti filtrati nell’elenco affitti.
  • Filtro per anno nell’elenco generale degli aggiornamenti ISTAT.
  • Filtro per anno nell’elenco generale delle annualità e proroghe.
  • Aggiunta di salvataggio in PDF nella finestra d’emissione.
  • Aggiunta delle colonne POD, PDR e matricole contatori nella sezione Utenze dell’elenco delle unità immobiliari.
  • Cambio della logica della scheda “Rate in scadenza”. Ora compaiono le rate del periodo che non sono state saldate completamente.
  • Calcolo ACCONTO IMU 2022

Aggiornamento Gestione Affitti – versione 16.4.0.1

  • Cambio di filosofia sugli atti di proprietà nell’anagrafica dell’unità immobiliare. Non c’è più il pannello dell’ultimo atto di proprietà ma bensì un elenco in cui aggiungerli. Gli attuali dati inseriti verranno convertiti in automatico con questa nuova filosofia.
  • Ai fini di scegliere un proprietario nei cedenti e cessionari abbiamo introdotto il pulsante Riferimento nella scheda dei “Proprietari precedenti”. Il programma “ricalcola” eventuali cedenti o cessionari in automatico.
  • Aggiunta di un elenco generale di atti di proprietà.
  • Per i contratti di locazione di abitativi stipulati dal 1mo gennaio 2020, sarà possibile non assoggettare in dichiarazione dei redditi i canoni eventualmente non percepiti dal locatore già dal momento dell’intimazione di sfratto per morosità o dell’ingiunzione di pagamento. Per questa ragione abbiamo aggiunto un campo nella sezione Risoluzione per indicare la data di cui dovrà tenerne conto la nostra elaborazione del resoconto fiscale di reddito di fabbricato.
  • Integrazione del servizio gratuito Papernest che permette di attivare le utenze e ottimizzare le spese sulle bollette Luce, Gas e Internet con pochi click. Potrete risparmiare e far risparmiare ad altri sulle bollette senza occuparsi della burocrazia. La partnership prevede un canale dedicato per i clienti DATOS. Per maggiori informazioni vi consigliamo di leggere la seguente pagina:

https://www.datos.it/ga/papernest

  • Correzione sulle importazioni di fatture fornitori in formato P7M.
  • Correzioni varie.

Aggiornamento Gestione Affitti – versione 16.3.0.1

  • Spunta per disabilitare una risorsa contabile (cassa o conto corrente). Visto che le risorse contabili utilizzate in pagamenti e in movimenti di Prima Nota non si possono cancellare allora con questa spunta si evita di non farli comparire negli elenchi.
  • Importazione di fatture semplici dei fornitori.
  • Correzione nell’importazione di fatture fornitori per alcune documenti firmati (.p7m) e nella gestione di sconti o maggiorazioni non in percentuale.
  • Correzione per gestire flussi di rendicontazione anomali.

Aggiornamento Gestione Affitti versione 16.2.0.1

  • Registrazione telematica delle rinegoziazione canone in aumento con allegazione della scrittura sottoscritta come richiesto dalle specifiche tecniche in vigore dal 25/1/2022. Quando si registrerà una rinegoziazione con aumento del canone, il programma mostrerà una prima scheda in cui caricare il PDF/A o TIFF contenente la scrittura sottoscritta dalle parti. Non è necessaria per forza la scansione, basta che il testo sia il medesimo controfirmato. Come per la registrazione del contratto il file non deve superare i 5Mb. Il pulsante “Crea PDF…” permette di prendere un file Word/OpenOffice (secondo la suite che utilizzate) e lo converte automaticamente in PDF/A e lo copia nella cartella degli allegati. Il pulsante “Copia da…” semplicemente vi permette di prendere un PDF o TIFF già pronto da un altro percorso. La scrittura inserita rimane salvata negli allegati.
  • Adeguamento alle nuove specifiche della registrazione telematiche in vigore dal 25/1/2022 nel caso l’intermediario della registrazione sia anche esso richiedente.
  • Aggiunta del codice IVA nel programma “Operazione soggetta ad inversione contabile art. 17 comma 6 a-ter (natura 6.7)” per il codice natura N6.7 della fatturazione elettronica. L’attuale art.17 comma 6 a-ter inserisce il codice natura N6.9.

N6.7 – inversione contabile – prestazioni comparto edile e settori connessi

Il codice N6.7 va utilizzato nel caso di prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative a edifici per le quali l’imposta è dovuta dal cessionario, ai sensi dell’articolo 17, comma 6, lett. a-ter), D.P.R. 633/1972. Il valore di tali operazioni confluisce nel rigo VE35, colonna 8, della dichiarazione annuale Iva.

  • Campo “Codice fiscale per le registrazioni telematiche” nell’elenco utenti. Se è valorizzato questo campo allora ogni registrazione telematiche con Entratel utilizzerà quel codice fiscale anziché quello impostato nel gestore. Questa funzionalità è imprescindibile nel caso di più di un professionista, abilitato ad Entratel, che opera in comune il programma.
  • Operazione di modifica in gruppo delle opzioni relative alla copia conforme delle fatture nell’elenco affitti.
  • Correzione per far comparire gli affitti con insoluti anche se segnati come non più in gestione. In precedenza gli affitti insoluti non comparivano più nella scheda “Affitti insoluti” dello Scadenzario. Se non volete che un affitto compaia più nello Scadenzario dovete segnarlo come CHIUSO.

  • Alcuni clienti hanno segnalato dall’inizio dell’anno che tutte le registrazione telematiche le vengono scartate con il messaggio “File non elaborabile…”. E’ un problema dell’Agenzia delle Entrate e non nostro come spiegato nel seguente articolo che vi preghiamo di leggere:

Aggiornamento Gestione Affitti versione 15.12.1.2

  • Adeguamento alla versione 1.7 del tracciato della fatturazione elettronica in vigore dal 1/1/2022. Nel caso di esenzione iva con natura “N.3.5 – Non imponibile a seguito di dichiarazioni di intento” bisogna indicare i dati della dichiarazione nei seguenti campi.
  • Aggiunta del nuovo tasso d’interesse legale in vigore dal 1/1/2022.
  • Importazione delle fatture semplificate fornitori.
  • Saldo multiplo di più rate di spese condominiali con un unico pagamento. Nelle note dei singoli pagamenti viene scritto che il loro saldo è relativo ad un pagamento unico di più rate.
  • Correzione per ridimensionare e salvare l’altezza della finestra di aggiunta pagamento. Questa modifica si è resa necessaria perché con certe configurazioni con aumento delle dimensioni dei caratteri di Windows, veniva coperto il campo dell’importo. Ora basta andare in basso sul bordo e allungare la finestra, alla prossima apertura manterrà la dimensione data.
  • Abbiamo creato una pagina per spiegare ai clienti che usano FileInternet come inviare il file CCF ora che c’è l’obbligo di autenticazione con SPID, CIE e CNS.
  • Correzione di un errore nell’importazione da DOMUSTUDIO.

Aggiornamento versione 15.12.0.4

  • Aggiunta dell’aliquota IVA al 5%
  • Modello utente di mandato SDD
  • Aggiornamento del modello di rendiconto tabellare formato lettera per la gestione in completa con sub totali pro quota di proprietà per incassi e spese. Il modello precedente era adatto soltanto quando c’era un unico proprietario o non si teneva conto delle parti di proprietà nell’elaborazione del rendiconto.

    La modifica non si applica sul modello attualmente in uso dai clienti. Dovete ripristinare il modello originale per prendere queste modifiche.
  • Filtri nell’elenco conduttori e proprietari per quei soggetti con documenti e permessi soggiorno scaduti.
  • Aggiunta di nuove variabili generali utilizzate nella personalizzazione dei modelli: email del locatore di riferimento, superficie catastale dell’immobile principale, numero di cellulare e partita IVA del conduttore.
  • Gestione con canone differenziato per primo anno e successivi nel caso si indichi al programma una data di prima rata diversa dalla decorrenza e considerando il periodo iniziale come gratis.

Il modello RLI inserirà come canone originale quello decurtato dal periodo di gratuita e poi inserirà per gli anni successiva il canone che avete indicato in anagrafica come canone originale.

L’elaborazione del resoconto fiscale con il nostro programma terrà conto di questo.

  • Importazione di fatture fornitori con file firmati (.p7m) e codifica Base64. In precedenza questi file codificati davano errore nell’importazione.