Unità immobiliare accessoria che risulti pertinenza dell’unità immobiliare principale

Per che una unità immobiliare accessoria (es: box, posto auto, ecc.), presenti nel contratto, risulti come pertinenziale (valore 2 del modello RLI) dell’unità immobiliare principale (es: appartamento) allora deve essere aggiunta anche nella scheda Pertinenze dell’unità immobiliare principale.

07-03-2014 12-20-04

Altrimenti, sia nel modello cartaceo RLI sia nella registrazione telematica con il canale RLI, risulterà come pertinenza non locata insieme all’immobile principale (valore 3).

Annunci

Adempimenti successivi con il canale RLI

La registrazione di adempimenti successivi con il nuovo canale RLI introduce, dal punto di vista operativo della procedura in Gestione Affitti, i seguenti cambiamenti rispetto al vecchio metodo:

  • E’ possibile indicare un rappresentante per il richiedente della registrazione.
  • E’ necessario specificare, prima della generazione, il conto corrente da utilizzare per il pagamento di eventuali spese di registrazione (imposta di registro, bollo, sanzioni e interessi). In questo modo non sarà più necessario introdurre i dati di conto corrente in fase d’invio.

Vediamo passo a passo le diverse schede:

Immagine

Visto che c’è un periodo transitorio in qui si può registrare utilizzando sia il precedente canale sia quello nuovo RLI, il programma permette la scelta nella prima scheda.

21-02-2014 10-52-09

In questa schermata potete scegliere il richiedente tra i soggetti facenti parte del contratto. La novità sta nel fatto che se il soggetto è rappresentato da qualcuno allora bisogna spuntare la casella ed inserire i dati sottostanti.

21-02-2014 11-04-49

Questa schermata non compare se utilizzate Fileinternet e permette di scegliere il fornitore della registrazione e il soggetto titolare del conto corrente.

21-02-2014 11-08-38

Questa scheda non compare se non c’è da pagare niente per la registrazione (es: contratto in cedolare secca al 100%).

21-02-2014 11-13-10

Successivamente se c’è da pagare compaiono le schede con gli importi di imposta ed eventuali sanzioni. L’ultima scheda è simile a quella già esistente in precedenza. L’unica novità è la possibilità di visualizzare il modello RLI relativo a quella registrazione. I vantaggi di questa visualizzazione possono essere due:

  • Controllare i dati che verranno spediti
  • Stampare il modello RLI con la firma per l’impegno alla registrazione telematica nel caso siate intermediari per la registrazione.

Un ultima differenza è il modulo da scegliere per il controllo del file: Contratti di locazione e affitto (RLI).

21-02-2014 11-24-19

 

ATTENZIONE: per che una unità immobiliare accessoria (es: box, posto auto, ecc.), presenti nel contratto, risulti come pertinenziale dell’unità immobiliare principale (es: appartamento) allora deve essere aggiunta anche nella scheda Pertinenze dell’unità immobiliare principale.

07-03-2014 12-20-04

Registrazione del contratto di locazione con il canale RLI

La registrazione dei contratti di locazione con il nuovo canale RLI introduce, dal punto di vista operativo della procedura in Gestione Affitti, i seguenti cambiamenti rispetto al vecchio metodo:

  • Il documento con il contratto può essere inviato utilizzando un file in formato PDF/A oppure TIFF. Quindi anche il risultato di una scansione può essere inviato. Non si è più legati per forza al testo introdotto della scheda “Contratto”.
  • Si possono specificare il numero di allegati (per ogni tipologia) e quindi assolvere con la registrazione il pagamento dell’imposta di bollo dovuta per loro.
  • E’ possibile indicare un rappresentante per il richiedente della registrazione.
  • E’ necessario specificare, prima della generazione, il conto corrente da utilizzare per il pagamento di eventuali spese di registrazione (imposta di registro, bollo, sanzioni e interessi). In questo modo non sarà più necessario introdurre i dati di conto corrente in fase d’invio.
  • Tra i dati necessari per la registrazione l'”Oggetto della locazione” è stato sostituito con la “Tipologia di contratto“, che ha tutt’altra codifica.

Vediamo passo a passo le diverse schede:

Immagine

Visto che c’è un periodo transitorio in qui si può registrare utilizzando sia il precedente canale sia quello nuovo RLI, il programma permette la scelta nella prima scheda.

18-02-2014 18-26-35

In questa scheda potete trascinare il documento con il contratto da inviare oppure procedere alla scansione se è in formato cartaceo (pulsante in alto a sinistra “Scansiona“). Sulla destra si trovano una serie di pulsanti che permettono di generare  o gestire il documento del contratto:

  • Crea PDF da testo della scheda “Contratto”: il programma crea un PDF/A generando il testo del contratto a partire da quanto è inserito nella scheda “Contratto” dell’affitto. Se ci sono delle variabili queste vengono sostituite con i valori anagrafici dell’affitto.
  • Genera documento “Contratto” negli allegati da testo: genera un documento Word (o OpenOffice) a partire da quanto è inserito nella scheda “Contratto” dell’affitto. Se ci sono delle variabili queste vengono sostituite con i valori anagrafici dell’affitto. Il documento viene salvato negli allegati e può essere aperto con il successivo pulsante.
  • Apri documento “Contratto” degli allegati: apre il documento Word (o OpenOffice) con il nome “Contratto” che si trova negli allegati. Nel caso questo documento non esista il programma da errore. Per generare un documento “Contratto” potete utilizzare il pulsante precedente.
  • Crea PDF da documento “Contratto” degli allegati: crea un PDF/A a partire dal documento Word (o OpenOffice) di nome “Contratto” che si trova negli allegati dell’affitto. Nel caso questo documento non esista il programma da errore.
  • Crea PDF da un documento in un altro percorso: permette di scegliere un documento Word (o OpenOffice) da cui generare un PDF/A adatto all’invio del contratto.
  • Cancella file: elimina il documento selezionato nel pannello a sinistra.
  • Copia da un altro percorso: permette di selezionare un file PDF/A o TIFF da copiare come documento di contratto.

La registrazione telematica può essere fatta in forma semplificata senza l’allegazione della copia del testo contrattuale in presenza delle seguenti caratteristiche:

  • un numero di locatori e di conduttori, rispettivamente, non superiore a tre
  • una sola unità abitativa ed un numero di pertinenze non superiore a tre
  • tutti gli immobili devono essere censiti con attribuzione di rendita
  • il contratto contiene esclusivamente la disciplina del rapporto di locazione e, pertanto, non comprende ulteriori pattuizioni
  • il contratto è stipulato tra persone fisiche che non agiscono nell’esercizio di un’impresa, arte o professione

Le specifiche  telematiche parlano di invio di un solo file con il testo del contratto quindi si presuppone che non vengono inviati gli allegati. Non avendo ancora riscontri sul campo consigliamo di inviare un file con il solo testo del contratto. Per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) il consiglio è quello già dato in precedenza:

https://datosit.zendesk.com/entries/26549457

18-02-2014 18-26-49

In questa scheda dovete inserire il numero di pagine del contratto e il numero di pagine o esemplari di eventuali allegati. Queste informazioni servono per il conteggio dell’imposta di bollo. Vi ricordiamo  che non è dovuta l’imposta di bollo  nel caso sia necessario allegare l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) al contratto. Se per eventuali allegati avete già acquistato e applicato i bolli necessari allora non indicateli in questa schermata. I conteggi per tipologia degli allegati di questa schermata serve per assolvere l’imposta di bollo degli allegati contestualmente alla registrazione telematica.

21-02-2014 10-52-09

In questa schermata potete scegliere il richiedente tra i soggetti facenti parte del contratto. La novità sta nel fatto che se il soggetto è rappresentato da qualcuno allora bisogna spuntare la casella ed inserire i dati sottostanti.

21-02-2014 11-04-49

Questa schermata non compare se utilizzate Fileinternet e permette di scegliere il fornitore della registrazione e il soggetto titolare del conto corrente.

21-02-2014 11-08-38

Questa scheda non compare se non c’è da pagare niente per la registrazione (es: contratto in cedolare secca al 100%).

21-02-2014 11-12-51

In questa scheda dovete scegliere la tipologia del contratto codificata così dall’Agenzia delle Entrate. Questo dato viene a sostituire l’oggetto della locazione che era richiesto invece dalla vecchia procedura telematica.

21-02-2014 11-13-10

Successivamente se c’è da pagare compaiono le schede con gli importi di imposta ed eventuali sanzioni. L’ultima scheda è simile a quella già esistente in precedenza. L’unica novità è la possibilità di visualizzare il modello RLI relativo a quella registrazione. I vantaggi di questa visualizzazione possono essere due:

  • Controllare i dati che verranno spediti
  • Stampare il modello RLI con la firma per l’impegno alla registrazione telematica nel caso siate intermediari per la registrazione.

Un ultima differenza è il modulo da scegliere per il controllo del file: Contratti di locazione e affitto (RLI).

21-02-2014 11-24-19

 

ATTENZIONE: per che una unità immobiliare accessoria (es: box, posto auto, ecc.), presenti nel contratto, risulti come pertinenziale dell’unità immobiliare principale (es: appartamento) allora deve essere aggiunta anche nella scheda Pertinenze dell’unità immobiliare principale.

07-03-2014 12-20-04

I diritti di segreteria non sono dovuti per la registrazione dei contratti

I diritti di segreteria (oppure chiamati tributi speciali – codice 964T del modello F23) non sono dovuti per la mera registrazione dei contratti di locazione. Questo importo veniva richiesto, in entità e in misura diversa, da alcuni uffici dell’Agenzia delle Entrate per la registrazione dei contratti di locazione. Ora con la seguente risoluzione è stato finalmente chiarito che non possono essere richiesti all’atto di registrazione, invece sono dovuti se si richiede successivamente una copia della registrazione del contratto.

  Risoluzione n.24/E del 14 marzo 2012

.

Registrazione telematica di un comodato gratuito

Se l’oggetto della locazione è Comodato gratuito, allora quel contratto non può essere registrato telematicamente. Questo non è un limite del programma, è l’Agenzia delle Entrate che vieta la registrazione telematica dei contratti di comodato gratuito.

Per registrare questo tipo di contratti bisogna recarsi all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate con i relativi modelli 69 e F23.